lunedì 28 maggio 2012

DALLA GANCIA ALLE BARRICATE... Una pagina cruciale del Risorgimento palermitano

A richiesta di tante persone, che non erano presenti alla prima passeggiata organizzata da questo gruppo, lo scorso dicembre, si è svolto, domenica 27 Maggio, un percorso simile a quello, dal titolo "Dalla Gancia alle barricate". 152 anni dopo, si sono rivissuti, nei luoghi garibaldini, i momenti cruciali di quella giornata (il 27 Maggio del 1860 cadde pure di domenica), nonchè gli avvenimenti che precedettero quel famoso Maggio, cioè la rivolta della Gancia del 4 Aprile 1860 e la clamorosa fuga di due patrioti, Patti e Bivona, cinque giorni dopo l'insurrezione, dalla "buca della salvezza". 
Gli scontri alla Gancia in una stampa d'epoca

Cortile della Gancia - Il punto di osservazione dei soldati borbonici
Cortile della Gancia - Il punto di osservazione dei patrioti
Cortile della Gancia - Lapide che ricorda i fatti del 4 Aprile 1860


Dalla drammatica mattinata del 4 Aprile, conclusasi in modo tragico per molti patrioti, tra cui Francesco Riso, il caporivolta, con la rievocazione degli scontri nel cortile della Gancia, sino al piano della Cattedrale, per parlare di bombardamenti borbonici e barricate, l'itinerario si è snodato per lo più nei luoghi e nei momenti più significativi di quel 27 Maggio, da piazza Rivoluzione, con l'arrivo delle truppe garibaldine dopo la furibonda battaglia sul ponte dell'Ammiraglio, al palazzo Oneto di via del Bosco, offerto dal suo nobile proprietario come ricovero per i feriti (tra cui il col.Tukory che vi morirà), fino alla zona Albergheria/Porta di Castro/Piazzetta delle Vittime, quartieri saccheggiati e devastati dai soldati borbonici in ritirata verso le caserme del palazzo reale, nei cui pressi un cippo a memoria di 9 palermitani fucilati, ci ricorda la brutale rappresaglia.
L'itinerario si è anche arricchito di aneddoti e testimonianze "indirette" di storia vissuta in quei giorni da alcune famiglie palermitane, presenti nei tragici luoghi del 1860...
Ma eccovi di seguito, la "cronistoria" della mattinata, con le foto di Francesca e Antonella, che ringrazio qui per il loro contributo...
Il ritrovo del gruppo a Palazzo Steri
Il gruppo si avvia verso la Gancia da Via IV Aprile
La rivolta della Gancia, nel cortile dove avvennero gli scontri
Sedata nel sangue la rivolta, si va verso Piazza Magione
A Piazza Magione, tra aneddoti de "Il Gattopardo" e altro...
A Piazza Rivoluzione, dove arrivano le truppe garibaldine
Palazzo Oneto, il ricovero dei feriti e la drammatica morte del Tukory
I saccheggi borbonici rievocati tra Albergheria e Porta di Castro
Il gruppo si avvia verso Piazzetta delle Vittime
Un brutale atto di rappresaglia a Piazzetta delle Vittime
Bombardamenti, barricate e foto del 1860... alla Cattedrale
Una piccola appendice la dedico alla foto della famosa campana della Gancia, che si trova nel chiostro del convento adiacente alla chiesa (oggi sede dell'Archivio), e che fu suonata disperatamente da Francesco Riso, per provare a far accorrere i palermitani a sostenere la rivolta del 4 Aprile, ma inutilmente...
La campana della Gancia
...e al piccolo monumento di Piazzetta delle Vittime, "vittima" anch'esso dell'incuria della gente e degli amministratori comunali (per fortuna nella foto non si vede la spazzatura attorno)...
Grazie a tutti i partecipanti che con la loro attenzione e la loro simpatia hanno reso questa rievocazione più bella ed avvincente...

22 commenti:

  1. Gradevoli passeggiate che mi concederò tutte quelle volte che mi si ripresenterà l'occasione, in quegli angoli della "Palermo Nascosta" belli da scoprire o riscoprire. ...Bravi Fabio e Federico.
    Salvo D.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...E bravo anche chi, come te, dimostra interesse con commenti così semplici e cortesi. Grazie anche a nome di Federico il "barbonico".

      Elimina
  2. La passeggita "Dalla Gancia alle barricate"
    Ricetta per una magnifica giornata.
    Tanta bella gente, abbondante curiosità per la storia di Palermo, momenti avvincenti e ricchi di patos quanto basta e giusto un pò di aneddoti curiosi e bizzarri.
    Mescolate ad una splendida giornata di sole.
    Fate servire il tutto a due geniali e capaci oratori e buon divertimento.
    Grazie Fabio e Federico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui di geniale c'è solo il tuo commento/ricetta...
      Di buon gusto, direi, come tutte le cose che fai.
      Grazie sempre dell'interesse e dell'entusiasmo che ci mettete...

      Elimina
  3. Partecipare personalmente in quei luoghi storici della rivolta cittadina contro i Borboni é stato rivivere quei tempi passati ... grazie alla bravura della regia degli amici organizzatori. Belle le immagini riportate in questo Blog . Vito Zagra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande Vito... Mi spiace che hai perso la parte iniziale del percorso, ma pazienza, penso che ti sei rifatto ampiamente. Ciao e grazie sempre del sostegno

      Elimina
    2. Federico Ferlito28 maggio 2012 23:08

      Ciao Vito ,grazie ogni tuo commento é un a chicca !! Come promesso ti inviero' quello che ti è mancato dell'inizio passeggiata !!!
      Stammi bene Federico

      Elimina
  4. Ribadisco ciò che è stato già detto, bella passeggiata e interessante percorso, ben strutturato e mai noioso.Un ringraziamento agli organizzatori che, con il loro impegno, ci regalano momenti davvero emozionanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pino, il tuo interesse per questa passeggiata era già evidente nel seguire ogni giorno i piccoli post relativi alla spedizione dei Mille che ci avevano accompagnato fino alla domenica del percorso. Ciao!

      Elimina
    2. Federico Ferlito28 maggio 2012 22:59

      Grazie Pino,sono felice per quanto ne pensi sulle attivita' che noi tentiamo di presentare nel migliore dei modi per soddisfare gli amici del Gruppo ed un po' per appagare la nostra passione !!!!

      Elimina
  5. Trascorrere una domenica all'insegna della storia, degli aneddoti, dei luoghi della nostra città con Fabio e Federico il risultato è garantito!!!
    Alla prossima passeggiata.Antonella C.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sembra una filastrocca più che un commento ma va bene così... ;-) Grazie a te dell'interesse e del sostegno...

      Elimina
  6. Lia Ferraccini28 maggio 2012 22:49

    ...scopariote!!!!! mi chiedo dove li trova questa aneddoti, c'è di muoriri!!!! hihi!! Federico è unico!!!STRAORDINARI!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Federico Ferlito28 maggio 2012 22:52

      Voglio dare qualche risposta al fondato simpaticissimo quesito dell'amica Lia Ferraccini : Intanto la ringrazio degli straordinari complimenti,ed includo tutti gli amici che ci stimano !!! Pippo Visconti,Giacomo Cangialosi, Vito Zagra ed a tutti coloro tifano per Palermo Nascosta !! Ora parlo dei miei segreti su gli aneddoti e curiosità . 1) Passione per quello che fai !!! 2) Studio a 360° della storia !! 3) Ricerca sull'argomento e sulle specifiche !! 4) Acquisizione di testimonianze ,anche indirette ! 5) Esperienze di vita !! 6)Conoscenza degli ambienti !! 7) Fare una bella miscellanea !! 8) Avere una bella faccia tosta per poi raccontare il tutto !!!! ciao a tutti Federico

      Elimina
  7. Un vero percorso turistico storico-sensoriale tra i Mandamenti Tribunali-Kalsa e Palazzo Reale-Albergheria.Un viaggio nell'anima dei luoghi. Davvero stimolante!
    Un saluto a tutti.
    Rosalba Cognata

    RispondiElimina
  8. Bellissima passeggiata, resa ancora più suggestiva dal fatto che fossimo nella stessa esatta giornata di 152 anni fa! (era il giorno perfetto fin dall'inizio per farla). Ora aspetto la replica della seconda, che mi sono perso perchè non vi conoscevo XD
    Ruben

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo Ruben, hai percepito quello che voleva essere il mio principale intento : rivivere (fatte le dovute proporzioni, ovvio)le atmosfere, drammatiche ma affascinanti, di quelle giornate di un secolo e mezzo fa... Grazie sempre per il tuo sostegno.

      Elimina
  9. Ormai il collaudo è fatto! Fabio e Federico dovranno trovare nuovi spunti, che certamente non tarderanno, per coinvolgere, palermitani e non, nella ricerca di un tempo perduto tra ciò che rimane e ciò che possiamo immaginare. Non montatevi la testa, però! Il gruppo cresce insieme alle curiosità legittime dei partecipanti. Studiate e lavorate, poi Vi faremo i nostri complimenti!
    Angela

    RispondiElimina
  10. grazie a Fabio , Federico e a quanti altri si sono prodigati x organizzare 1 così bella "passeggiata" . di momenti come questi dovrebbero essercene di +, ... la nostra è 1 città ricca di storia e purtroppo sempre poco valorizzata! ma ogni evento del genere, fa risvegliare la nostra anima palermitana che "sonnecchia"

    RispondiElimina
  11. Che bella combriccola..... in giro tra le bellezze di Palermo

    RispondiElimina
  12. fate un grande lavoro per giunta disinteressato.
    Credo che se i palermitani conoscessero la stoia della propria città l'amerebbero così come merita.
    Ho partecipato per la prima volta ad uno dei vostri percorsi (adesso posso dire pure miei) e ne sono rimasto entusiasmato pur conoscendo bene la storia del risorgimento palermitano ed i suoi luoghi.Mancava, si, il ponte Ammiraglio ma capisco la distanza da percorrere a piedi e, d'altro canto, step by step non è che si poteva finire a Gibilrossa.
    A proposito del ponte dell'Antiocheno tempo fa avevo deciso di attraversarlo ma con sommo dispiacere mi son dovuto accorgere che l'ingresso da ambo i lati era sbarrato (si erano fregati il basolato). Adesso stanno facendo dei lavori di rispristino della piazza ma quando questi saranno ultimati vorr0 attraversarlo.
    Compllimenti per il blog ed iniziative accessorie
    Antonino Patti
    cm s

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dell'interesse, Antonino. Spero parteciperai anche in futuro alle nostre passeggiate. Un abbraccio.

      Elimina