mercoledì 2 maggio 2012

PALERMO CAPODIMONTE

Messe da parte le discussioni, le polemiche, le critiche ed il dibattito che si è creato, sul blog, e anche altrove, riguardo al precedente post, dove c'era poco da ridere, proviamo oggi a sdrammatizzare e tirare fuori delle chicche di "palermitanità" frequentissime per chi, come il sottoscritto, gironzola nei mercati popolari del centro storico. 
Viva la Vucciria, il Capo e Ballarò...
Dovrei pure scrivere viva l'ignoranza ?
No, non lo scriverò, perchè questa forse, più che ignoranza, è una forma d'arte "involontaria", perciò, come tale, innovativa, ma allo stesso modo, attraente. Ringrazio Nora e Franci per alcune foto fornitemi... Buona visione a tutti !
PS. Il titolo del post proviene non tanto dal latino, ma da una battuta di un venditore ambulante del Capo che tempo facommentava così la scritta su una rivista, "PALERMO CAPUT MUNDI" : "PALERMO CAPODIMONTE... Ma chi beni a diri? A porcellana ?"

15 commenti:

  1. Chi ssì sap(P)uritu!!

    RispondiElimina
  2. Un popolo di VERI artisti. Divertentissimo.
    Francesca E.

    RispondiElimina
  3. Federico Ferlito2 maggio 2012 12:40

    E NON RESTA CHE DIRE DOPO TUTTO QUESTO BEN DI DIO PANORMITAMO !!! "TROPPO BELLO MAI VISTO" SOLO DA NOI SI POSSONO GODERE QUESTE INIMMAGINABILI CHICCHE !! AHAHAHAHHHH

    RispondiElimina
  4. Tutte assolutamente "geniali"...ma the winner is.....l'11 un tripudio di parole buttate " a com'è gghiè"!!!!!
    Antonella C.

    RispondiElimina
  5. hahahahahah bellissime chicche :)

    RispondiElimina
  6. Anch'io sono del parere che siano invenzioni e licenze poetiche e non errori !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Federico Ferlito2 maggio 2012 16:19

      Carissimo Pippo " NON SGERZARE CON QUESTE COSCE, E' TUTTO AL NATURALE ED E' SPONTANEO QUELLO CHE SCRIVONO",per scrivere certi "PIZZINI" non hanno bisogno di scervellarsi metrica,è tutto "SANZERU"non esiste sofferenza nella composizione del poema !!!!

      Elimina
    2. Non sgherzo affatto, caro Federico, perché storpiare i pizzini coll' italiano che non ci trasi niente con la comunicazione pubblicitaria dei nostri mercati ?

      Elimina
    3. Federico Ferlito4 maggio 2012 09:43

      Dai Pippo !!! ammetto le distorsioni artificiose per attrarre la clientela e che magari non c'entrano niente con la propria mercazia !!
      Ma condividi con me che "U ZU' PALUZZU O DON TOTO', PUTIARU E CHIANCHIERE",SONO BASTEVOLMENTE POCO ERUDITI" !!! NE AGRONOMI NE VETERINARI !!! QUINDI GIUSTIFICHIAMO LA LORO ESPOSIZIONE COME ERRORE DI NATURALE IGNORANZA . E TIRAM INNAZI !!!

      Elimina
  7. TERESA MARCIANI2 maggio 2012 12:55

    DIREI: COSE UNICHE AL MONDO!
    STORIA E FOLCORE SI FONDONO!
    IGNORANZA NEL SENSO SCOLASTICO, MA SAGGEZZA ED ESSENZIALITA',MAESTRI DI VITA. POPOO IL NOSTRO MAESTRO DI VITA! UNICO, FANTASIOSO, INTELLIGENTE, CHE NELLE DIFFICOLTA'SA' DESTRGGIARSI BENE E COGLIERE IL MEGLIO DALLA VITA! PALERMITANA SONO! E ME NE VANTO!

    RispondiElimina
  8. W l'estemporaneità di questo popolo!

    RispondiElimina
  9. Grazia Grace N.2 maggio 2012 16:08

    Panormus caput risus

    RispondiElimina
  10. mah... esaurito l'umorismo direi che queste immagini la dicono lunga sul livello di alfabetizzazione raggiunto nella nostra città nell'anno di grazia 2012. Apprezzo il lato folcloristico ma tutto questo dovrebbe farci più riflettere che sorridere
    Grazie Fabio per averci fornito questo ennesimo spunto

    RispondiElimina
  11. diamo spazio alle licenze poetiche palermitane....

    RispondiElimina
  12. Molto divertente! Anche girando nei mercatini di quartiere si possono trovare scritte molto interessanti:
    Gabriella

    RispondiElimina