lunedì 24 ottobre 2011

LA BAMBINA CHE ODIA I TEDESCHI


[STORIE] 1942 : Mentre Palermo inizia a essere tormentata dai bombardamenti, la piccola Concetta, che ha circa 7 anni, abita ancora coi suoi genitori nei pressi di corso Vittorio Emanuele, in zona Vucciria... Ancora, ma per poco : a causa delle bombe la sua famiglia ingrosserà le file degli "sfollati" e si trasferirà in un paesino nei pressi di Palermo (Misilmeri) fino alla fine del conflitto...
Ogni tanto le capita, mentre gioca nel balcone di casa con le sue bamboline, di osservare quei soldatacci che parlano una strana lingua, per lei incomprensibile, e quando li vede per strada, così da vicino, si nasconde dietro la mamma o il papà... 
Una sera, una delle tante di quel periodo, suona l'allarme che significa : tutti ai ricoveri che stanno per bombardare !! Tra i genitori che cercano in fretta e furia di vestire lei e i suoi fratellini, si crea il panico totale : Mimmo ha il sonno molto pesante, e mentre viene vestito da sua mamma, si rispoglia  suscitando l'ira materna in un momento così drammatico...
Dopo momenti lunghissimi di panico e tremarella, ci si riversa per strada, magari con calzini di colore diverso, o maglie indossate al contrario, e annaspando nel buio pesto dovuto all'oscuramento, si cerca di trovare la via più breve per raggiungere il rifugio di piazza Borsa. Ma con tale oscurità non è facile nè scendere le ripidissime scale di quel palazzo antico, nè trovare la strada giusta. Infatti la corsa frenetica al buio, tutti mano nella mano, con le gambe che tremano per la paura, può essere pericolosa : la mamma di Concetta, una notte, vola letteralmente dalle scale con uno dei fratellini in braccio (Rosario), la nonna Sarina, capostipite familiare, un'altra volta, per strada, in preda al panico, non si accorge di una saracinesca contro cui va quasi a frantumarsi la faccia... E poi, urtare gente sconosciuta, inciampare continuamente, bambini a cui scappa la pipì o adulti che invece se la fanno sotto... Ma c'era poco da fare in quei momenti... 
Una notte, dopo che è suonato il cessato allarme e la famiglia di Concetta sta rientrando a casa, di ritorno dal ricovero, il suo papà inciampa su qualcosa nel portone... Ci sono degli uomini coricati per terra che non consentono il passaggio. Dall'odore di vino che si avverte nell'aria, ci si rende conto che si tratta di ubriachi, ma non di ubriachi qualsiasi : sono dei soldati tedeschi, che una volta affogati i loro pensieri nel vino, si sono accovacciati per la notte proprio davanti al portone di casa di Concetta. E' suo papà che deve provare a spostarli per passare, ma l'impresa è quanto mai ardua. I soldati, che per la sbornia riescono a stento a muoversi, bofonchiano qualcosa in tedesco e si riaddormentano. A questo punto si prova a sollevarli quasi di peso e spostarli verso fuori per permettere alla famiglia di passare e rientrare a casa... La scena dura un bel pò, quando improvvisamente la voce si fa più grossa e uno dei soldati, infastiditosi, prende a pugni, da terra, le gambe del papà di Concetta, mentre le donne, sua moglie Francesca e soprattutto la nonna Sarina, che ha fama di "scantulina", non riescono a far altro che improvvisare un "rosario" con tanto di coroncina in mano...
E fra improperi in tedesco, parolacce in siciliano con sottofondo di Ave Maria e Padre Nostro vari, per fortuna, e dopo sforzi colossali, i tedeschi si spostano, pur rimanendo accasciati lì a pochi metri, e Concetta può introdursi nel portone con mamma, papà, fratellini e nonna pietrificata dalla paura, ma soddisfatta perchè il suo rosario è servito a qualcosa (più o meno). E sull'Amen conclusivo, finalmente si rientra a casa...
Da quella notte di panico Concetta prova avversione per i tedeschi... Non importa se la guerra è finita e sono passati ormai circa 60 anni : per lei non è cambiato nulla, e i suoi ricordi di bambina la tormentano fino ad oggi poichè spesso ripete : "Brutta cosa la guerra, ma ancora più brutti i tedeschi..."
Concetta e i fratellini Mimmo e Rosario (1938)


 


Dedico questo post alla mia famiglia, dapprima a chi non c'è più come i miei nonni materni Francesca e F.Paolo, gli zii Mimmo, Rosario e sua moglie Annetta, e poi a chi invece c'è : alla zia Anna e ai miei cugini Paolo e Franca, nonchè a Daniela, Patrizia, Francesca e F.Paolo. Ma soprattutto a mia madre, che è la protagonista della storia... 



QUESTO POST E' DISPONIBILE ANCHE IN INGLESE

THE BABY WHO HATES THE GERMANS


1942: While Palermo began to be troubled by the bombing, the little Concetta, which has about 7 years, lives with his parents near Corso Vittorio Emanuele, in the Vucciria... But not for too long : due to bombs, her family swell the ranks of "refugees" and moved in a small town near Palermo (Misilmeri) until the end of the war...
While she’s playing in the balcony of the house with her dolls, she looks at those soldiers who speak a strange language, incomprehensible to her, and when she sees them along the street, so close, he hides behind her mom or dad...
One evening, one of many from that period, the alarm sounds, which means that it’s starting the bombardament, so everyone has to run to the shelters! The parents who are in a hurry, try to dress her and her little brothers, creating the panic: Mimmo has a very heavy sleep, and while being dressed by his mom, undresses, making mom angry at such a dramatic moment. After long moments of panic and fright, it is poured on the street, perhaps with a different color socks, or shirts worn on the contrary, and in the pitch black due to obscuration reeling, trying to find the shortest route to reach the refuge of Piazza Borsa. But due to darkness is not easy nor descend the steep stairs of that old building, or find the right way. In fact, the frantic rush in the dark, all holding hands, legs trembling with fear, can be dangerous : Concetta's mother, one night, literally flyies down the stairs with one of the sons in arm (Rosario), while Sarina, the grandmother, does not notice a gate against which goes almost to shatter her face ... And then, hitting strangers, stumbling all the time, children who need to pee or something else... But there was little to do in those moments ...
One night, after the all-clear is sounded and the family of Concetta's coming home, his father stumbled upon something in the entrance door... There are men lying on the ground that do not allow the passage. The smell of wine in the air, means that they’re drunks, but not any drunks: they are German soldiers, who drowned their thoughts in the wine, and placed to sleep for the night, right before the front door of Concetta’s house. And 'that his dad has to try to move them to pass, but it’s very difficult. The soldiers, who for the hangover can hardly move, muttering something in German and fall asleep. At this point the father tries to move them out to allow the family to go and return home ... The scene lasts a while, when suddenly the voice becomes louder and one of the soldiers, awakening a bit, punches, from the ground, the legs of Concetta’s father, while women, especially his wife Francesca and the grandmom Sarina, who has a reputation for "scary woman", can not help but only improvise a deep prayer...
Among German insults, bad words in Sicilian with a background of prayers, thankfully, and after enormous efforts, the Germans move, but remained huddled in a few meters, and Concetta can get into the door with mom, dad, brothers and grandmother stoned with fear, but happy because her rosary was useful to something (more or less…). And finally the family get home ...
Since that night of panic Concetta hates the Germans... It doesn’t matter if the war is over, ‘cause after 60 years nothing has changed for her, and her childhood memories haunt her to this day as she often repeats: "War is a bad thing, but the Germans are worse.. . "





35 commenti:

  1. La guerra genera odio anche negli innocenti. Come abbiamo visto di recente. Abbracci, Fabio.

    RispondiElimina
  2. Magnifica storiella,che evoca film in bianco e nero tipo "Roma città aperta" con Anna Magnani.Fai bene a tirare fuori questi episodi di vita vissuta,sono e saranno sempre la nostra memoria e servono a far capire a chi non li ha vissuti,quei tragici giorni.E poi la foto dei bimbi è semplicemente tenera e commovente,una immagine d'altri tempi.Complimenti di cuore -ANDREA-

    RispondiElimina
  3. dirò sempre no alla guerra...fate l'amore non la guerra...

    RispondiElimina
  4. Grazie Giacomo e grazie Andrea... Entrambi dite cose sacrosante...

    RispondiElimina
  5. Ciao Fabio,buon inizio settimana,penso che hai cominciato benissimo,ho visto che sei partito in tromba!
    Gia' ho letto due volte con interesse l'articolo,veramente molto bello !!
    Non lo definirei una STORIELLA MAGNIFICA ma una "STORIA PESANTE" !!!
    L'avrei definita STORIELLA,se i tizi ubriachi non fossero stati dei tedeschi,perche' questi anche se ubriachi, avevano il grilletto facile e perquanto nostri alleati non disdegnavano mettere piglio alla violenza anche contro degli indifesi !
    Forse, se fossero stati un po' piu' desti , sentendosi toccati,avrebbero potuto organizzare una retata, trasformando il fattarello in una brutta tragedia !
    Nella migliore delle ipotesi da risolvere presso il loro Comando ......
    E poi sarebbero stati cavoli amari .....

    Ciao Federico

    RispondiElimina
  6. Amo Palermo. E' la mia città. E' la città dei miei avi. Non so nenache da quante geenrazioni sono palermitana. Leggere questi rcconti mi fa rivivere una palermo che è dentro di me, che mi appartiene nei geni. Grazie.

    RispondiElimina
  7. Ciao Fabio, bellissima storia, ancor più bella perché "familiare". Anche mio padre ha qualche ricordo di guerra (molto sbiadito, perché all'epoca aveva solo 3 anni) ed ogni tanto mi racconta.
    Anyway, non voglio risultare provocatoria, ma la guerra è brutta sempre e ovunque, qualsiasi popolo metta contro. Quando si è in guerra sono tutti cattivi. Questo lo dico perché i tedeschi mi fanno una gran simpatia nonostante tutto, e non mi è mai piaciuta la facilità con cui si "etichetta" un intero popolo a causa della sua storia. Ovviamente questo lo dico a margine, e poco c'entra con la storia di tua mamma che è vera ed affascinante.

    RispondiElimina
  8. Ciao Giovanna, grazie del commento,sono d'accordo con te che non è bello etichettare nessuno per la sua storia... In ogni caso ritengo che nelle situazioni bisogna esserci per poter giudicare, e noi ovviamente non potevamo perchè siamo più giovani. Ma è una questione di corsi e ricorsi storici, che a parte tanti italiani che non hanno bei ricordi dei tedeschi, ti potrei citare gli algerini che per lo stesso motivo odiano i francesi, o gli stessi somali o etìopi che odiano gli italiani... Sono stati momenti drammatici per chi c'era, soprattutto, credo, se vissuti con gli occhi innocenti (nel caso di mia madre) di una bambina di 7 anni... Grazie ancora.

    RispondiElimina
  9. Racconto stupefacente ma nello stesso amaro....eh già brutta cosa è la guerra....complimenti per i tuoi racconti fab li rendi affascinanti e li regali a noi lettori come veri e puri sogni che viviamo leggendo.....bravo!

    RispondiElimina
  10. Mi associo ai complimenti e rifacendomi ad uno dei commenti sopra,dico che pure a me questa storia tenera e se vogliamo tragicomica,può ricordare uno dei tanti film su questo argomento.Ottima narrazione, hai descritto molto bene tutto quanto e sembra di rivivere quei momenti solo scorrendo queste righe.Complimenti davvero!Bravissimo!

    RispondiElimina
  11. A parte le condivisibili riflessioni sulla guerra, posso aggiungere che secondo me la nonna sarina doveva essere veramente un personaggio!
    mg

    RispondiElimina
  12. storia a lieto fine ma pur sempre tragica... in queste circostanze i bambini sono quelli più colpiti, grazie per averla condivisa con noi.
    rosalia

    RispondiElimina
  13. Con questo post mi hai veramente commosso! Sentiti complimenti! Continua così!

    Tuo cugino Fabrizio

    RispondiElimina
  14. Elisa Di Marco24 ottobre 2011 19:00

    Devo ammettere,che i kameraden tedeschi non abbiano lasciato un buon ricordo sia in Italia che nei paesi occupati,pero' non bisogna fare di tutta l'erba un fascio e dipingere sempre di nero il diavolo .
    Posso solo raccontare,un aneddoto positivo ,avvenuto in famglia :
    Mio nonno,durante il periodo di guerra,stiede male,soffrendo di malesseri indefinibili,tanto
    la nostra medicina non riusciva a diagnosticare quindi dare una cura adeguato per il malanno!
    Peregrino'fra ospedali e sanatori,ma inutilmente
    Lo aiuto'positivamente ,un tedesco,capitano medico,conosciuto casualmente .
    Gli diagnostico' una amebiasi,curandolo ed addirittura fornedogli medicinali tedeschi.
    Mio nonno guarì perfettamente restando tanto grato a quel buon tedesco dal cuore d'oro !

    Bene Fabio ,ottimo articolo !!!

    RispondiElimina
  15. E' sempre bene portare a conoscenza di chi non ha vissuto il dramma della guerra episodi come questo perchè i giovani sappiano e capiscano quali tragedie hanno affrontato chi quelle esperienze le ha subite.(pippo-giuseppe)

    RispondiElimina
  16. Complimenti per l'articolo,merita un bel "10" per tutte le sue sfumature:storiella amara(per il periodo drammatico che affronta)ma anche dolce, per l'innocenza e il modo con cui fai trasparire l'aspetto della guerra visto dagli occhi della bambina.E poi quella foto è semplicemente meravigliosa.Grande post,bellissimo blog,che si arricchisce e fa arricchire di queste gemme anche noi lettori.Grazie! [Franco]

    RispondiElimina
  17. Grazie a tutti coloro che da stamattina mi fanno i complimenti e che scrivono anche qui...
    Qualche mio familiare si è commosso leggendo i vostri commenti... Evidentemente queste storie fanno sempre un certo effetto, soprattutto, mi auguro a chi, come me, non le ha vissute in prima persona...

    RispondiElimina
  18. Bel racconto,anche se breve,ma duro e commovente allo stesso tempo.Complimenti a Fab,che ci regala quotidianamente bagliori di storia vissuta palermitana.Ciao! PIERO

    RispondiElimina
  19. bellissimo racconto.foto eccezionale,anche perchè vedo mio padre.Mi sono commossa

    RispondiElimina
  20. Che pugno nello stomaco!! Tremendo, davvero tremendo. Grazie di aver "alleggerito" la testimonianza con un pò d'ironia.

    RispondiElimina
  21. Certe storie sono ancora più emozionanti quando ci sono in mezzo dei bambini.Il sentimento di "odio" della bambina,poi cresciuta,è giustificabile perchè è legato al ricordo di quella notte o di quel periodo.In fondo sono cose che purtroppo accadono ancora oggi,tutti i giorni,in tante parti del mondo.Grazie per il racconto,è bello avere esperienze familiari simili da raccontare e condividerle con tanti lettori.

    RispondiElimina
  22. trovo che la foto dei 3 bambini sia fantastica,così come la storia narrata qui sopra.Come ha scritto qualcuno,è una immagine d'altri tempi,che i nostri padri e nonni hanno vissuto con grande sofferenza e grande dignità.Bravo davvero!Gran bel racconto,per fortuna a lieto fine.Il presunto odio contro i tedeschi secondo me è solo dovuto a come dovevano apparire questi "soldatacci" dal linguaggio incomprensibile,agli occhi della piccola Concetta.Vedere prendere a pugni il papà deve essere stato duro per dei bambini piccoli.Complimenti! .Salvo

    RispondiElimina
  23. Leggendo i commenti sopra,a qualcuno questa storia ricorda dei film come il famoso Roma Città aperta con la indimenticabile Anna Magnani.A me invece ricorda un film di Totò ambientato in epoca di guerra,dove si toccava con mano la sofferenza di quei giorni alternata alla comicità di certe battute e certe situazioni.Un'immagine bellissima in tal senso è il soldato tedesco ubriaco che dà pugni alle gambe del papà della bimba,e di contro la nonna fifona che recita il rosario.Ecco,secondo me,questo è il momento,così ben illustrato da Fab,che ci dà l'idea del dolce-amaro di quell'epoca.Nelle disgrazie spesso veniva fuori anche un lato comico.E l'odio della bambina è comprensibile,in tal senso,proprio perchè vissuto con un animo innocente.Bravo Fab!Che bel racconto! M.Teresa/Palermo

    RispondiElimina
  24. Penso che sia stato detto già tutto vedendo la lunga fila dei commenti.Aggiungo solo un aggettivo:MERAVIGLIOSO articolo e MERAVIGLIOSA la foto dei tre bambini.Complimenti! Anna S.

    RispondiElimina
  25. Sono emozionato nel leggere tutti questi commenti, uno più bello dell'altro, al post in cui parlo della mia famiglia... Non me l'aspettavo. Devo anche dire che ogni commento, complimenti a parte, dà degli spunti di discussione davvero interessanti...
    Complimenti quindi anche a voi, amici e semplici commentatori. grazie anche a nome della mia famiglia !

    RispondiElimina
  26. Una cosa simile accadde ai miei nonni in zona Tribunale,e leggendo questo articolo mi sono ricordato di loro.Grazie per il modo semplice e coinvolgente con cui fai rivivere queste storie lontane,ma vicine a noi per i nostri ricordi familiari.E complimenti alla bellissima bambina.
    Mario P.

    RispondiElimina
  27. Ho scoperto questo sito per caso,cercando roba varia su Palermo.Devo dire che subito la lettura di questa storia mi ha colpito e sono convinta che se un gruppo di persone scrivesse racconti come questo,legati alla memoria di genitori o nonni,ci verrebbe fuori un bel libro.Complimenti per il lavoro che state facendo.
    Silvana Salamone

    RispondiElimina
  28. Storie d'altri tempi della Palermo sotto le bombe....Complimenti,articolo dolce e commovente.Se come si suol dire,i muri potessero parlare,ce ne sarebbero racconti da tramandare,come questo,a futura memoria per chi queste cose non le ha vissute.Si dovrebbe tenere conto di questi piccoli ma significativi episodi anche a livello scolastico,secondo me.Sui libri di scuola non c'è però spazio per i sentimenti,perciò fa benissimo Fabio a cercare di racchiudere in uno scrigno questi piccoli oggetti preziosi.Bravo davvero!

    RispondiElimina
  29. Bravo Fab,è un piccolo film in bianco e nero come la foto.Complimenti!

    RispondiElimina
  30. Bellissimo articolo,meraviglioso blog,che contiene gemme come questa storia.Grazie a chi lo ha ideato e che ha deciso di condividere coi lettori anche storie familiari come questa della bambina.A volte rimpiango di non avere più i nonni che certamente avrebbero avuto anche loro storie da raccontare simili a questa.Un caro saluto da Francesco

    RispondiElimina
  31. Ho scoperto questo sito solo da qualche giorno,e posso solo farti i complimenti per tutto,sia per le storie,interessanti ed istruttive,come in questo caso,che per l'impostazione generale del sito stesso.Ottimo lavoro! MARIA.

    RispondiElimina
  32. E' difficole dimenticare,anche in età avanzata,certe storie che ci hanno segnato da piccoli.In questo caso l'odio(che magari non sarà odio nel senso più stretto del termine)è comprensibile,essendo legato a quella notte da paura,trascorsa tra la fuga al ricovero,i bombardamenti e quando tutto sembrava finito,anche l'accenno di lite coi soldati ubriachi.Vallo a far capire ad una bambina di quell'età!Bellissimo articolo,l'ho già letto varie volte e fatto leggere anche a conoscenti. MARIA.

    RispondiElimina
  33. che dire l'ho letta tutta d'un fiato, mi sono sentita la bambina che non comprendeva e che desiderava solo di rientrare a casa, anch'io come lei ho avuto un improvviso odio per i soldati tedeschi.
    grazie per la condivisione di questa storia.
    Clara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del commento, Clara. Da ciò che hai scritto mi pare che sei "entrata" nella storia a testa bassa, immedesimandoti quasi nel personaggio della bimba (che poi, come avrai letto, è mia madre).Grazie sempre per l'interesse...

      Elimina
  34. Bella storia complimenti,le storie di guerra raccontate da singoli episodi danno un'idea ben chiara del concetto di "guerra".
    Anche mia nonna odiava i tedeschi e i fascisti,rifiutò un posto come dattilografa all'interno del regime della sede palermitana e per questo lei e la sua famiglia (padre,madre e 7 fratelli 4m/3f)passarono quasi tutta la guerra nascosta in delle grotte vicino romagnolo abbandonando casa e tutto.

    RispondiElimina