sabato 16 luglio 2011

PALAZZO RAMMACCA...Tra "morte" e "mosche"

PALERMO NASCOSTA è anche su Facebook.Unisciti al nostro gruppo.Clicca qui 

[TESORI] A piazza Garraffello, nel cuore della Vucciria, oltre al già citato palazzo Mazzarino, c'è un altra costruzione di fine '500, palazzo Rammacca. Edificato come residenza del principe Gravina di Rammacca, ha una grandezza notevole, e si trova incapsulato tra due antichissime stradine, il cortile della Morte e la via Terra delle Mosche... All'inizio del '600 ospitò per un certo periodo anche gli uffici del Banco Pubblico, poi trasferiti in un altra sede. Il palazzo, bisognoso (anche lui, ahimè) di urgenti restauri, è comunque abitato, anche se in condizioni di degrado che si sposano a perfezione con l'intera piazza che lo ospita... L' atrio che si imbocca dal sontuoso portone, dà su una bellissima scala interna, con tetti a volta. Anche questo un gioiello di architettura, che speriamo possa essere salvato dalle condizioni in cui si trova, e che sicuramente non merita... Proprietari ed amministratori pubblici, datevi una sveglia !!

Cortile della Morte-A destra Palazzo Rammacca
Palazzo Rammacca-La scala interna/1
Palazzo Rammacca-La scala interna/2
Palazzo Rammacca-L'ingresso visto dall'interno

10 commenti:

  1. Speriamo che lo salvino.

    RispondiElimina
  2. Il posto è bellissimo, lo conosco per averlo visitato e fotografato più volte. Peccato sia in parte snaturato da quella rampa di scala esterna in cemento armato, visibile qui in foto, ma soprattutto dal fetore delle urine dei poco nobili cittadini che nell'androne cercano rifugio nottetempo per soddisfare i loro bisogni impellenti ma... si sa... il palermitano ha grande rispetto per l'arte e i monumenti della sua città... sarà forse questo un modo per marcare il proprio territorio? ai posteri l'ardua sentenza.
    Piccola curiosità e forte dubbio che mi attanaglia da tempo: terra delle mosche oppure delle moschee? e per riverenza verso la chiesa abbiamo dovuto nascondere anche questo aspetto della nostra Palermo con il piccolo artificio di sottarre una "e"? bella domanda
    Complimenti per il post
    Angelo

    RispondiElimina
  3. Nel dizionario antico delle strade di Palermo si parla di "mosche", e quindi non si fa riferimento a moschee, anche se la tua domanda meriterebbe un approfondimento... Sullo stato rovinoso di palazzo Rammacca hai ragione : ormai l'ingresso, che è quasi sempre aperto, pure la notte, è diventato un vespasiano per i frequentatori dei locali della zona. Per il resto, stendiamo un velo pietoso...

    RispondiElimina
  4. Ciao Fab, sembrerà strano ma l'idea che quella strada possa essere stata in realtà intitolata alla "terra delle moschee" e, cioè, ad una qualche città islamica in periodo di dominazione araba o alla stessa "città delle 300 moschee", Palermo, appunto, non riesco a togliermela dalla testa. Non mi spiego, invece, il riferimento agli insetti e alla loro ipotetica terra di origine... così importanti da dedicargli una strada? ... solo una mia supposizione? attendo un eventuale successivo intervento o altre notizie in proposito. Sarebbe bello far luce su un dubbio del genere
    Saluti, Angelo

    RispondiElimina
  5. Ciao Angelo, ti riporto fedelmente ciò che trovo scritto nell'antico dizionario delle strade (1870) : "Mosca, oltre che insetto, al plurale significa gran quantità di gente affollata in un punto, ed anche individui che vanno girando per guadagnare denaro. Lungo questa contrada, anticamente, erano le logge de' Genovesi e dei Catalani, che formavano un centro di commercio, ove si trattavano gli affari per mezzo d'una quantità di persone, che facevano da agenti commerciali. Questa è l'origine onde la contrada viene appellata Terra delle Mosche".

    RispondiElimina
  6. Grazie Fab, sei stato preziosissimo. Non ci crederai ma sono anni che cercavo una risposta a questo quesito.
    Grazie ancora e complimenti per il lavoro preciso e puntuale che svolgi nel tuo blog, a beneficio di chi ha fame di storia e di sapere.
    Inserito tra i preferiti
    Ti auguro buona giornata
    Angelo

    RispondiElimina
  7. Grazie a te che segui il Blog. Se hai spunti o roba da suggerire, o magari qualche aneddoto antico raccontato da familiari o amici, contattami... La mia mail è : paoloceraulo@libero.it

    RispondiElimina
  8. Ti seguo con grande piacere e se mi venisse in mente qualcosa non tarderò a fartelo sapere. Intanto sto cercando notizie della famigerata villa di Mondello che voce di popolo vuole abitata da spiriti che mal tollererebbero le presenze umane... una bella leggenda metropolitana che mi ha sempre incuriosito. Se riuscirò a mettere insieme qualche aneddoto sul tema te ne renderò partecipe.
    Buon lavoro
    Angelo

    RispondiElimina
  9. Avevo in mente di scrivere qualcosa su quella villa, ma non ho trovato granchè... Grazie per la costanza con cui segui il mio Blog... A presto!

    RispondiElimina
  10. Non ho mai visitato questo palazzo..
    Eppure di cognome faccio Rammacca...

    RispondiElimina