mercoledì 16 novembre 2011

CERCASI SANTA POSSIBILMENTE MIRACOLOSA !

[STORIE] Il '600 a Palermo fu un secolo di pestilenze, carestie e miseria, ed i vecchi santi protettori non riuscivano a lenire tutti questi affanni : necessitava qualcosa di nostrano per mettere in un po' d'ordine nella confusione, fra politica, religione e credenza popolare…
Bisognava un nuovo capo del governo che potesse fare da motore mistico ai panormiti di allora e per i loro attuali eredi. Fu ovvio, per il carattere leghista-palermitano, scegliere un protettore di origine nostrana che ricordasse i fasti normanni !
La scelta fu facile, ma difficile e forse truffaldino, il modo di farla digerire !
Come santa patrona Rosalia andava benissimo, era siciliana, casta e pura, ma aveva pochi miracoli nel proprio curriculum, ma cio' poco importava per soppiantare le altre sante, che di miracoli ne avevano fatti pochini e nemmeno tanto risolutivi !
Intanto, bisognava trovare i suoi resti mortali : le indicazioni furono date da una visione notturna di una quasi moribonda febbricitante, poi miracolata, tale Girolama Gatto. Rosalia le era comparsa in sogno in una grotta ben definita sul monte Pellegrino, cioè quella che tutti conosciamo !
L'arcivescovo Giannettino Doria, sollecitato dal Clero locale e dal Senato Palermitano, diede disposizione alle ricerche e, guarda caso, furono affrettatissime, e puntuale fu il ritrovamento, ovvero i resti ossei furono trovati là dove indicato !
Fin lì tutto ando' liscio come l'olio per i tifosi di Rosalia (ancora non santificata).
Ma Giannettino fu scettico, e avendo percepito una bufala ordita dal Senato Palermitano e dal basso clero locale, volle affidare tre reperti rinvenuti al protomedico generale di Sicilia ed al protomedico di Palermo.
In modo unanime i medici diedero risultati negativi : “ERANO RESTI DI CRANIO MASCHILE !”.
In modo sbrigativo la situazione fu risolta, nell'arco di un dì, da Padre Giordano Cascini, direttore della Casa Professa, che convoco' una commissione di sacerdoti locali e credenti di gran fiducia...
La Commissione durante l'analisi fu illuminata di luce divina…
Un primo cranio, ricco di tracce calcaree, diminuì nelle dimensioni, e per miracolo divenne da maschile a femminile. Il secondo era nient'altro che un vaso sporco e malconcio, il terzo era il normalissimo ciottolo.
I protomedici furono quindi premurosamente richiamati dal gesuita padre Cascini, temettero per la loro testa, essendo periodo di Inquisizione, e prontamente furono convinti del loro pacchiano errore, e nel lasso di pochi minuti la loro analisi divenne positiva e per di piu' controfirmata dagli stessi !!!
Per i miracoli, dove non possono arrivare i medici, possono i preti ed i politici !!!
Il 22 febbraio 1625, i resti di Rosalia furono consegnati al Senato Palermitano...
Il 7 giugno, nel corso di un fantastico festeggiamento, Rosalia fu eletta a Santa...
I palermitani ebbero la propria Santa ed il suo bravo miracolo aveva debellato la peste !!!
Ma la peste aveva semplicemente avuto il normale decorso naturale, agevolato dalle migliori condizioni stagionali ed in parte frenato dalle limitazioni sanitarie dettamate da Gian Filippo Ingrassia, fatte eseguire tardivamente dall'improvvido Senato .
Concludendo, VIVA SANTA ROSALIA, che non ha colpe in tutto ciò, e che ci protegge benevolmente dall’alto del Monte Pellegrino !!!
Statua di S.Rosalia alla Cattedrale


POST IN INGLESE
SAINT WANTED, POSSIBLY DOING MIRACLES !
The 17th century in Palermo was a century of pestilence, famine and misery, and the old patron saints could not alleviate all these troubles: it needed something new to put order in the confusion between politics, religion and so on ... The government was looking for a new saint protecting the city… It was obvious to choose a local protector to commemorate the glorious Norman reign !
The choice was easy, but difficult and perhaps fraudulent, how to digest it!
As patron saint Rosalia was fine, was Sicilian, chaste and pure, but she had a few miracles in her curriculum, but the previous other saints, were not better and not so decisive !
Meanwhile, her mortal remains had to be found: the directions were given by a night vision of a feverish, almost dying, mrs. Girolama Gatto, then miraculously Rosalie had appeared in a dream, well-defined in a cave on Mount Pellegrino, which is that we all know!
The Archbishop Giannettino Doria, urged by the local clergy and the Senate Palermo, gave orders to research and the discovery was incredibly quick, and some skeletal remains were found where specified !
From that moment, everything went 'smoothly for fans of Rosalie (not yet sanctified).
But Giannettino was skeptical, and having received a hoax concocted by the Senate and the lower clergy of Palermo, he wished to have an opinion by some important doctors. So the doctors gave unanimous negative results: "REMAINS WERE BELONGING TO A MEN”. But the situation had to be resolved within a day, by Father Giordano Cascini, director of the Church of Jesus, which summoned a commission of local priests and common believers... The Commission during the analysis was illuminated with divine light : the first skull full of traces of limestone, diminished in size and for a miracle, became from male to female. The second was nothing but a pot dirty and scruffy, the third was an ordinary pebble.
The doctors were then called by the Jesuit father, and being scared for their head, in that period of Inquisition, they were quickly convinced of their “mistake”, and in the span of a few minutes, their analysis turned positive and countersigned by themselves ! 

Sometime priests and politicians could make miracles too !
On February 22nd, 1625, the remains of Rosalia were delivered to the city Senate ...
On June 7th, during a great celebration, Santa Rosalia was elected as patron saint of Palermo ...
Then Palermo had the Saint and her good miracle had eradicated the plague!
But the plague had just had the normal natural course, facilitated by better seasonal conditions and partly restrained by the limitations dictate health by Gian Filippo Ingrassia

In conclusion, hurrà for SANTA ROSALIA, which is not to blame in all this, and protects us from the top of Monte Pellegrino graciously!

26 commenti:

  1. Quindi la storia di rosalia sarebbe una bufala????

    RispondiElimina
  2. Una Santa miracolata, quindi! Miracolata più che miracolosa... Ma ci siamo affezionati. Angela

    RispondiElimina
  3. Anche il Cristianesimo fu reso "lecito" solo perchè fu un imperatore romano, Costantino, a volerlo con un famoso Editto e dopo anni di lotte e discussioni... Se così non fosse stato, chissà come sarebbero andate le cose...
    Se si scava nella storia, ci si rende conto che certe questioni che ci portiamo appresso ancora oggi, sono state frutto di casualità o di altri fattori determinanti, e non per il normale corso delle cose...

    RispondiElimina
  4. E' proprio vero che se si va a ritroso nel tempo,alcune certezze descritte in modo freddo nei libri di storia,verrebbero meno.Articolo come sempre interessante che dà spunti di discussione.E complimenti sempre! MARIA.

    RispondiElimina
  5. Questa non la sapevo!Io ho sempre saputo la storiella del cacciatore che ritrova le ossa e grazie a ciò termina la peste.Ma in effetti se non era una bufala quella... -Andrea-

    RispondiElimina
  6. Federico Ferlito16 novembre 2011 23:10

    Ed in poche parole fu la prima santa politica della storia !! Certe cose potevavano avvenire solo e soltanto nella felicissima citta' di noi Panormiti !!! Non vorrei che per aggiustare qualche situazione attuale si riesumasse qualche altro Santo Protettore,fresco fresco di conio e possibilimente maschietto "SANZERU"

    RispondiElimina
  7. Federico Ferlito17 novembre 2011 00:14

    Essendo dedito alle stramberie ed cercando sempre qualche rogna , profittando di essere in visita presso il Palazzo Arcivescovile ,
    praticamente nella tana del lupo,mi sono trasformato in uomo sapiente ed ho dissertato pubblicamente del fatto.
    Lì per lì,tutti i presenti si mostrarono molto interessati e divertiti !!!
    Escluso una bigotta ignorante,che ando' a lamentarsi addirittura con la vigilanza tacciandomi di essere disturbatore!
    Ed alla faccia della democrazia fui buttato garbatamente fuori dal Museo Diocesano !
    In compenso molti dei visitatori,che erano dei turisti fai da te,mi fecero le congratulazioni ed anzi mi vennero appresso,continuando la loro visita con una guida d'eccezione e divertendosi per giunta.

    RispondiElimina
  8. Sentite congratulazioni per le vostre
    interessantissime curiosità sulla storia
    della nostra cara Palermo !!!!
    Cari Federico e Fabio siete veramente grandi!!!
    Ma da dove riuscite a scovare queste notizie
    estremamente interessanti???
    Continuate sempre così, deliziandoci con queste
    eccezionali curiosità che fanno meglio conoscere
    la storia della nostra amata Palermo!!
    EGIDIO

    RispondiElimina
  9. Beh, se si considera che comunque le processioni in onore di Santa Rosalia avvenivano nel periodo di massima espansione del morbo e che, quindi, ci fu un grande accorpamento di gente che avrebbe favorito la diffusione della Peste.... un miracolo c'è stato e fu quella della diminuzione del contagio con tutto ciò si organizzassero giornalmente processioni penitenziali, nulla togliendo al Grande Medico Ingrassia perla della Medicina Siciliana....

    RispondiElimina
  10. LEGGERVI E' UN VERO PIACERWE, DESCRIZIONI NEI MINIMI PARTICOLARI, SEMBRA DI ESSERE PRESENTI FATE RIVIVERE QUEI MOMENTI.
    NON SI PUO' CONCLUDERE SE NO CON UN GRANDE VIVA PALERMO E SANTA ROSALIA.

    RispondiElimina
  11. Mario Algozzino17 novembre 2011 15:04

    Si è letto spesso sui resti di Santa Rosalia e sulle modalità di ritrovamento degli stessi,c'è però da dire che teoricamente se a priori S.Rosalia non fece miracoli, considerata naturale la fine della peste, a posteriori di miracoli deve averne fatti parecchi considerati tutti gli exvoto che possiamo ammirare nella grotta di Monte Pellegrino...ed allora Viva Palermo e Santa Rosalia !!!

    RispondiElimina
  12. Che sia stato un miracolo,l'abbattimento della peste lo condivido pienamente !! In effetti proprio in quel periodo,con tutte quelle processioni la diffusione del male doveva essere piu' agevolata !! Ma il miracolo sarebbe da imputare ad un volere di Dio,preso da compassione per quella schiatta di ignorantoni palermitani !
    Poi se si vuole parlare di intercessione di Santa Rosalia,possiamo anche crederci . Poi la storiella del ritrovamento delle ossa e della loro vera identificazione lascia il tempo che trova !!! Dobbiamo ricordare quanto é facile ritrovare ossa a Palermo,come si suol dire se ne trovano sempre piu' spesso "PERI PERI !!! ".

    RispondiElimina
  13. ... Lasciamo da parte i Miracoli ed i Santi; Non ho mai visto dentro l'Urna d'Argento, conservata nella Cappella della Cattedrale, che tipo di ossa contenga, ma da quanto ho letto al riguardo in vecchi libri, tra cui il più attendibile dello storico teologo Giovanni Stiltingo del 1879, non viene detto di "NORMALI OSSA" ma di "OSSA CALCIFICATE" e quindi non facilmente identificabili in nessuna tipologia.
    VitoZagra

    RispondiElimina
  14. Federico Ferlito17 novembre 2011 17:00

    Grazie Vito,per il tuo impeccabile commento che avvalora,quanto scritto nell'articolo !!!
    Siamo felici della tua partecipazione attiva nei commenti . Cogliamo,quindi, l'occasione di ringraziare caldamente tutti gli amici che ci seguono !!!

    RispondiElimina
  15. HO LETTO CON MOLTO INTERESSE I VOSTRI ARTICOLI, TROVO MOLTO PIACEVOLE LA VOSTRA RICERCA DELLA STORIA DELLA NOSTRA PALERMO ANTICA.
    GRAZIE PER IL VOSTRO IMPEGNO!!!!!

    RispondiElimina
  16. HO LETTO CON MOLTO INTERESSE I VOSTRI ARTICOLI, TROVO MOLTO PIACEVOLE LA VOSTRA RICERCA DELLA STORIA DELLA NOSTRA PALERMO ANTICA.
    GRAZIE PER IL VOSTRO IMPEGNO!!!!!
    Sabrina

    RispondiElimina
  17. Complimenti a Voi per averci erudito di documenti storici della nostra Palermo!!!
    Martina

    RispondiElimina
  18. Diceva un saggio che in ogni verità ci sono briciole di fantasia ed in ogni fantasia ci sono briciole di verità. Ma ciò non conta se il fine ultimo è il raggiungimento di uno scopo utile all'uomo. Anche noi edesso che stiamo vivendo momenti difficili, pur essendo presenti, a parte i fatti cronologici, diamo interpretazioni diverse: eccome| Ma si, Dio Onnipotente entra nella storia e tanto la sua presenza è vera quanto l'uomo ha bisogno di lui. E cosa c'è peggio della peste o di una guerra? Dio si serve di ogni mezzo e di chiunque e la Fede lo manifesta. Anche quelle intenzioni laiche se non illuminate dall Divina Provvidenza non si manifesterebbero. Il protomedico esemplare Dott. Ingrassia al quale giustamente Palermo lo ricorda avendogli dedicato persino un Ospedale, cosa avrebbe potuto fare se non fosse stato illuminato da Dio? Mito e leggenda sono il sale del popolo siciliano ed in ogni manifestazione lo proclamiamo. Cos'è il mito se non l'unione del sacro con il profano. La divinità che sposa l'uomo. Che importa sapere se il legno che ha accolto Gesù in croce è quello vero? E' la Fede che muove l'uomo e con lui il mondo. La storia serve a poco e lo sappiamo. Spesso viene interpretata secondo fatti contingenti di sensibilità ed emozioni. La paura dell'uomo dinanzi alle manifestazioni di Dio si esplicita con la negazione. E i miracoli? E' sempre Dio che si manifesta servedosi dei santi e anche di quelli a cui l'uomo ha pregato per intercessione. Quante volte ci rivolgiamo ai nostri cari defunti perchè intercedano.Il dato storico interessa poco a chi ha veramente fede. Quindi dico sempre Viva Santa Rosalia la santa del popolo. Grazie per l'occasione che mi hai dato di esprimere il mio pensiero. Claudio Perna

    RispondiElimina
  19. Federico Ferlito18 novembre 2011 09:45

    Grazie Claudio,concettualmente siamo in piena sintonia,noi del Blog,abbiamo voluto descrivere i fatti,sia pur molto seri ed impegnativi,con punte di ironia ma senza cattiveria . E'po'la nostra caratteristica,per rendere frizzante l'argomento, pungolando il lettore alla critica,e nello stesso tempo senza tediarlo con dissertazioni pedantesche . Siamo quindi gratificati dal tuo commento che ci da' l'occasione di avvalorare in modo serio e compassato quanto espresso nell'articolo in modo serioso ,eliminado possibili fraintesi .
    Quindi ribadisco "VIVA A SANTUZZA,CHE CI PROTEGGA SEMPRE DALL'ALTO DEI CIELI,E CHE CI GUARDI DAL SUO EREMO CON OCCHIO BENEVOLO"

    RispondiElimina
  20. ...magari le ossa rinvenute sul Monte Pellegrino saranno anche preistoriche,o di un poveraccio che si era smarrito tra i boschi!!Di vero c'è che abbiamo bisogno di appigliarci al soprannaturale quando non troviamo una risposta scientifica...e ci sta bene così!!!

    RispondiElimina
  21. Io non sono tanto documentato sui miracoli di Santa Rosalia, ma a giudicare da quanto è amata e venerata da tutti i palermitani, penso che meriti a pieno titolo di essere la patrona della nostra città! Viva Santa Rosalia!
    Grazie sempre per le vostre storie su Palermo!
    Vito Arcieri

    RispondiElimina
  22. sempre interessanti,li ho letti tutti ed alcune storie mi erano sconosciute,complimenti,complimenti

    RispondiElimina
  23. Come al solito su questo blog si pubblicano ardite e fantasiose ricostruzioni, spacciate per verità storiche.
    Sarebbe possibile avere copia dei documenti che attestano tale "Verità", unica fonte sulla quale si basa uno storico degno di questo nome?
    F.B.

    RispondiElimina
  24. Caro F.B., lo scopo di questo Blog non è quello di ricercare la verità storica a tutti i costi. Personalmente non sono uno storico, ma un semplice appassionato che ha creato questo angolino su internet per pura passione. Spesso io e chi mi dà il piacere di collaborare, ci atteniamo a vecchie storie tramandate e raccontate, a volte facenti parte del bagaglio dei ricordi di famiglia, o trovate su vecchi libri o, perchè no, su internet stesso. Non è compito nostro avere la presunzione di "spacciare" (uso il tuo termine)i nostri post per verità storiche o sostituirci a persone molto più qualificate di noi nel dimostrare con documenti, ciò che viene scritto sul Blog. Non ho mai pensato, come creatore del Blog, di fornire verità assolute o documenti. Mi piace quando si apre una discussione o un dibattito sui vari argomenti trattati. Spesso ho a che fare con gente che ne sa più di me, e può esprimere liberamente opinioni autorevoli, ma le "ardite e fantasiose ricostruzioni" di cui Tu parli, non sono altro che riflessioni o spunti di discussione trasformati in parole scritte. Poi su tante questioni storiche potremmo disquisire all'infinito, ma nessuno arriverebbe a conclusioni certe... Per le verità storiche, invece, devi cercare siti più specializzati nel settore, il mio è solo un piccolo spazio da appassionato... Niente altro. Grazie.

    RispondiElimina
  25. Giusto, Fabio!Questo blog è un salotto virtuale in cui ci si incontra per discutere e ricordare fatti e aneddoti su Palermo. Chi vuole notizie storiche e documentate, potrà rivolgersi alle biblioteche ed ai musei. Anche se la storia più affascinante è sempre stata quella tramandata oralmnete. Angela

    RispondiElimina
  26. Salvatore Scialfa25 novembre 2011 19:54

    L'uomo ha sempre visto il soprannaturale come una forza esterna giustificando il positivo e l'evento negativo , la religione espressa dai popoli ha ristretto gli istinti e gestito sottomettendo e manipolando le società. Miracoli o apparizioni riportano interessi alla religione oggi un po' bistrattata dal moderno "DIO CONSUMISMO".
    La fede non ha una tangibilità certa ma un alone di mistero.
    La nostra santa protettrice nel 1624 ci salvò dalla peste e ne divenne la patrona,spodestando santa Cristina, santa Oliva , santa Ninfa e sant'Agata. Miracolo !
    Oggi ci vorrebbe un altro miracolo e debellare la disoccupazione!
    Nel momento del bisogno "VIVA PALERMO SANTA ROSALIA" !
    Grazie a Federico ........

    RispondiElimina