mercoledì 30 novembre 2011

UN GIALLO SVELATO ?

[MISTERI] Il famoso caso della Baronessa di Carini, è stato l'anno scorso, 2010, al centro di una nuova indagine. Infatti la soluzione del mistero è stata affidata ad un team di criminologi ed esperti in casi irrisolti del passato. Per rispondere a qualche domanda che era stata posta su questo argomento, tanto caro a molti palermitani e non, pubblico quanto segue, così come trovato, premettendo per chi non lo sapesse, che anche se il caso non è inerente come location alla città di Palermo, ma ad un paese molto vicino come Carini, i personaggi coinvolti sono tutti palermitani, e tutto venne "deciso" a Palermo, così come confermato da chi ha svolto queste indagini lo scorso anno :
<<Baronessa di Carini : Il giallo svelato dopo 447 anni>>
Uccisa per i soldi : il delitto d'onore fu una messinscena ?
Sarà che oggi vanno di moda i «cold cases», i casi freddi, ma risolvere un delitto dopo 447 anni è una bella scommessa anche per il più tosto degli investigatori. E per la più sofisticata apparecchiatura scientifica. Una sfida che parte da Carini, il paese a pochi chilometri da Palermo dove il 4 dicembre 1563 la baronessa Laura Lanza (secondo la ricostruzione ufficiale) venne trovata a letto con l'amante Ludovico Vernagallo e assassinata dal padre Cesare nella stanza del castello che ancora domina l'abitato. 
Un delitto d'onore (reso celebre nel 1975 da uno sceneggiato della Rai), confessato dall'assassino in una lettera al re di Spagna conservata nella chiesa madre del paese.
L'anno scorso, il sindaco G.La Fata ha deciso di riaprire le indagini, affidandosi a un team di criminologi di fama internazionale. Dal 22 al 25 marzo del 2010, gli investigatori dell'Icaa (International Crime Analysis Association), tra i quali l'esperto Marco Strano, hanno lavorato per risolvere il giallo.
Ma quali sono i misteri da svelare? Di sicuro il ruolo del marito della donna, il barone di Carini Vincenzo La Grua, scagionato dal suocero, sebbene presente al momento del delitto. Una ricostruzione che potrebbe essere motivata dal fatto che al padre dell'adultera era consentito uccidere la figlia e il suo uomo, se beccati sul fatto. Al marito, invece, solo il diritto di uccidere il rivale, ma non la moglie.
I diaristi del tempo, intimoriti dell'importanza delle famiglie, accennano al caso soltanto di sfuggita (n.d.r. Cesare Lanza era uno dei personaggi più in vista di Palermo, avendo ricoperto autorevoli cariche pubbliche, come quella di pretore. Inoltre apparteneva a quella ristretta cerchia di persone importanti ed influenti che facevano il bello ed il cattivo tempo nella Palermo del'500).
L'indagine prevedeva l'apertura della cripta del duomo di Carini dove probabilmente, vi sono i resti dei due amanti. Sono stati rintracciati alcuni eredi della famiglia Vernagallo, sottoposti a test del DNA per poterli comparare con i resti che presumibilmente saranno ritrovati. Inoltre, grazie a sofisticate tecniche di computer grafica, sarà analizzato il percorso del castello così com'era nel'500, un pò diverso da oggi (la stanza del delitto era in'ala del maniero che tanti fa è crollata). Anche documenti cartacei, tra cui pare qualche inedito, sono stati analizzati per capire la vicenda...
Ma la tradizione popolare ha dato vita nei secoli a quattrocento versioni di un poemetto su cui si sono scervellati storici, demologi, studiosi del folklore per districare la verità dalla leggenda.
A complicare le cose ci si sono messe le ricerche dello storico Calogero Pinnavaia. Secondo lui, non di delitto d'onore si trattò ma di un litigio per ragioni economiche sfociato nel sangue. Che Laura e Ludovico fossero «serrati insieme» nella camera, come racconta il padre di lei nella lettera-confessione al re, non avrebbe scandalizzato nessuno, perché i due stavano insieme da quattordici anni e avevano avuto la bellezza di otto bambini, con il placet del marito di lei che, secondo lo studioso, non poteva avere figli.
«Il marito della baronessa, don Vincenzo La Grua -ricostruisce Pinnavaia- aveva interesse a risparmiare il rivale perché, secondo la Lex Iulia, avrebbe avuto diritto a metà del patrimonio dell'amante». Quanto al padre, Cesare Lanza, avrebbe potuto mettere le mani sulla dote della figlia. Fatto sta che il vicerè di Sicilia, il 2 febbraio del 1564, informa la Corte di Spagna che qualcosa non torna nella vicenda e accusa di falsità il difensore dei due.
La storia del delitto d'onore, insomma, sarebbe stata tirata fuori per dare una copertura per così dire etica e soprattutto giuridica al pasticciaccio. Cesare Lanza riebbe i suoi beni e dopo dieci anni, morta la prima moglie, si risposò ed ebbe nove figli. Quanto a Vincenzo La Grua, diseredò i bambini avuti sulla carta da Laura Lanza e convolò a nuove nozze il 4 maggio 1565, dopo avere fatto incidere davanti all'ingresso del castello la scritta «ET NOVA SINT OMNIA». E tutto sia nuovo... La soluzione di questo giallo cinquecentesco forse è vicina, ma indagini o non, è difficile stabilire la verità a distanza di secoli, anche per l'assenza di documenti ufficiali, prova, questa, che qualcosa fu "insabbiato", giusto per usare un termine più moderno...
A giudizio di chi scrive, il mistero resterà, e con lui l'indiscusso fascino dell'intera vicenda...
Il castello di Carini

PALERMO NASCOSTA HA POSTATO PER I LETTORI LO SCENEGGIATO DEGLI ANNI'70 PER INTERO... BUONA VISIONE !

9 commenti:

  1. Post interessantissimo per uno dei misteri che da sempre,affascina tutti i siciliani.Sarebbe bello se si potesse sapere l'esito finale di queste ricerche,quando tutta l'indagine sarà finita.Mi auguro che chi gestisce il Blog possa farlo,o anche qualche lettore.Grazie. -Andrea-

    RispondiElimina
  2. L'articolo pubblicato riguarda Palermo,eccome.Il fatto che sia a pochi km non significa nulla.Come ha giustamente ribadito Fab,i personaggi coinvolti in questa storia sono tutti appartenenti alla nobiltà palermitana di quei tempi.Trovo strepitosa l'idea di mettere come link l'intero sceneggiato tv.Che aggiungere? Complimenti e basta!

    RispondiElimina
  3. Perchè squarciare, a tutti i costi, il velo di mistero di questa tragica vicenda tramandataci come una tormentata, ma bella, storia d'Amore? Personalmente preferisco continuare a credere che i due assassinati abbiano sacrificato la loro vita per Amore e non a causa di una squallida storia di denaro!!! Sarò, forse, l'ultimo dei romantici, ma la penso così...

    RispondiElimina
  4. Se me lo dicevi ti davo le foto =) Bravo fab! =)

    Tuo cugino Fabrizio

    RispondiElimina
  5. Mariella Esposito30 novembre 2011 17:29

    Sono propensa anch'io a credere che ci fossero altri interessi sotto,dal momento che per secoli il ""delitto d'onore"" passava impunito!!!Non so fino a che punto sia possibile scoprire la verità solo in base alle ricerche scientifiche...Bella storia sempre!!!!

    RispondiElimina
  6. Grazia Grace N.30 novembre 2011 18:03

    Peccato..preferivo la vecchia versione.....dei due amanti sorpresi,ma si sa..le leggende fanno presto a correre.....come la revisione della leggenda della nostra Santuzza Rosalia che mi ha sconvolto non poco......

    RispondiElimina
  7. ciao, spesso seguo il tuo blog e apprezzo ciò di cui parli, davvero molto, notando l'argomento che ci accomuna volevo segnalarti il mio.

    http://lasiciliadiunavolta.blogspot.com/

    Mi farebbe piacere, un tuo parere!:)

    RispondiElimina
  8. Angelino Di Marco2 dicembre 2011 17:11

    Condivido che questa e' una storia molto controversa,anche per mancanza di sufficienti documentazioni storiche .
    Ognuno puo' esprimere la propria opinione e non sbaglia ! Natoli disse e scrisse la propria versione,le fictions hanno espresso la loro . Anche questo articolo ha espresso la propria teoria,forse la piu'verosimile !
    Grazie per aver espresso anche la vostra !! Continuate sempre così,vi seguiro' sempre !

    Saluti Angelino Di Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ina e carmelo lombardo15 settembre 2012 16:05

      una storia intrigata e interessante .

      Elimina