lunedì 19 marzo 2012

UNA DOMENICA MATTINA TRA I SEGRETI DEL'500

Si è svolta, Domenica 18 marzo, la terza passeggiata storica del gruppo "Palermo Nascosta", intitolata "I segreti della Palermo del'500". Il percorso, iniziato dal retro del Teatro Massimo, è stato caratterizzato principalmente dalla discussione su quello che forse è il mistero più affascinante della nostra città, ovvero l'esistenza della setta dei Beati Paoli.
Dimenticando ciò che è scritto nel famoso libro di Luigi Natoli (che comunque è pur sempre un romanzo con personaggi inventati, benchè sullo sfondo storico della fine del'600-inizio'700), ci si rifà agli ultimi e più recenti studi sulla Palermo del'500, dove pare che i Beati Paoli siano esistiti e abbiano avuto voce in capitolo nel marcio di quella società palermitana. Un "marcio" che parte dalle famiglie potenti dell'epoca, come i Bologna, gli Imperatore, i Moncada, gli Afflitto, ed altre ancora, all'Opera Navarro, una sorta di associazione che possiede case e terreni in quasi tutta la città, per finire con la potentissima Confraternita Imperiale dei Sette Angeli (su cui mi riprometto di parlare in futuro), una loggia che velava, col suo fare benefico, le malefatte dei potenti palermitani nel XVI° secolo...
Il percorso, alternando notizie sui Beati Paoli e altri aspetti cinquecenteschi, si è poi snodato dalle mura di S.Vito sin dentro il Capo, con visita alla chiesa dell'Immacolata Concezione (del primo'600, ma con una storia legata alla sua costruzione che parte dal secolo precedente), nonchè ai luoghi dei Beati Paoli, come il Capo in se stesso e l'omonima piazza dove nel suo sottosuolo è rinvenuta, anni fa, quella che si considera la grotta-Tribunale. Dopo la descrizione sul potere di poche famiglie a Palermo e di come veniva gestito (in ciò si possono forse ritrovare le origini della criminalità organizzata), l'itinerario è proseguito passando davanti al giardino della "Cuncuma", sede di riunione di gente di malaffare del periodo (forse gli stessi affiliati alla setta), poi al palazzo S.Isidoro con le sue leggende, quindi al Monte di Pietà e la sua costituzione nel'500. 
La leggenda di S.Onofrio "U pilusu", uno dei primi patroni di Palermo, con relativa filastrocca per le donzelle che allora cercavano marito, è stata uno dei momenti più spiritosi della passeggiata. Poi la via Bandiera, con le vicende drammatico/amorose di Donna Eufrosina (protagonista di un altro romanzo di L.Natoli, "La Dama tragica") e piazza S.Domenico, dove nel'500 ci fu a Palermo il primo caso di peste. L'itinerario è proseguito alla chiesa di S.Mamiliano (o s.Cita) con la figura di Cesare Lanza, potente pretore palermitano di metà'500 (colui che uccise la figlia, la famosa Baronessa di Carini), lì sepolto, e poi alla chiesa di S.Giorgio dei Genovesi (che custodisce le spoglie di una pittrice allieva di Michelangelo, tale Sofonisba Anguissola, e di un parente di Cristoforo Colombo). L'ultima tappa ha concluso il discorso sui Beati Paoli con la congiura di Gianluca Squarcialupo, conclusasi tragicamente nella chiesa dell'Annunziata nel 1517, forse (e sottolineo forse) per mano della famigerata setta di incappucciati così cara a noi palermitani, ma probabilmente diversa da come è sempre stata nel nostro immaginario...

Per chi volesse approfondire, di seguito alcuni link già postati in passato, su argomenti trattati nella passeggiata :
Su G.Squarcialupo e la sanguinosa congiura : LA STRAGE DELL'ANNUNZIATA
Sulla chiesa dell'Immacolata Concezione : UN GIOIELLO BAROCCO
Sui fatti relativi a Cesare Lanza e la Baronessa di Carini : UN GIALLO SVELATO ?

Nel ringraziare tutti i numerosi partecipanti, ecco di seguito l'itinerario fotografico della passeggiata :
Il luogo del ritrovo alle 9.30 (retro del Teatro Massimo)

9.45 circa... Il gruppo si avvia verso il Capo

Via Mura di S.Vito (resti delle mura del'500 sulla destra)
Il gruppo "invade" il mercato del Capo
La spettacolare chiesa dell'Immacolata Concezione
La salita della Mercede, tappa di discussione sui Beati Paoli
Chiesa di S.Maruzza in Piazza Beati Paoli
Il giardino della "Cuncuma"
Dal palazzo S.Isidoro, il gruppo in via Candelai
Nella piazza del Monte di Pietà
La chiesa di S.Onofrio "U Pilusu"
Palazzo Sperlinga in via Bandiera dove visse la "Dama tragica"
Il gruppo a Piazza S.Domenico
Dopo S.Cita, a S.Giorgio dei Genovesi
Campanile chiesa dell'Annunziata in piazza S.Giorgio
La lapide a memoria dell'eccidio di G.Squarcialupo
Foto di gruppo a fine percorso...
Per le foto ringrazio Gabriella, Nora, Teresa e Mariapia

11 commenti:

  1. cinzia miceli19 marzo 2012 12:16

    cosa devo dire???io non c'ero !!!
    presumo sia stata una bella passeggiata interessante
    conosco tutti i luoghi,che ritengo siano molto suggestivi...
    eufrosina,moglie del barone corbera...l'amante del vicerè colonna...a cui dedicò la fontana della sirena...

    RispondiElimina
  2. Sono finito casualmente su questo blog e scopro un gruppo molto bello. Come fare per essere informato per tempo sulle vostre iniziative e come fare a partecipare? Grazie. Giorgio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Federico Ferlito19 marzo 2012 18:51

      Basta chiedere l'amicizia al gruppo Palermo Nascosta e ti sara' data !!! L'istancabili Fabio è prodigo di notizie ed aggiornamenti !!! Puoi seguire il blog ed anche in modo puntuale agli stessi !! nel contempo puoi dilettarti nel leggere i nostri articoli !!
      ciao Federico

      Elimina
  3. Bella passeggiata! Spero, prima o poi, per quanto riguarda le prossime, di potervi partecipare assieme ai miei ragazzi...

    RispondiElimina
  4. teresa marciani19 marzo 2012 18:11

    Contenta di esserci stata! Una bella giornata e non solo per il sole! Tra il serio e il faceto tra notizie storiche, storia dell'arte e legende, una simpaticissima mattinata istruttiva e rilassante!

    RispondiElimina
  5. Una passeggiata godibilissima, tante cose nuove e interessanti per me e abbiamo anche trovato una bella giornata di mezza estate ! Prossima uscita col sombrero !!!

    RispondiElimina
  6. Veramente interessanti le notizie che abbiamo appreso sui fatti e misfatti del '500 nella nostra città e sul ruolo che potevano avere i Beati Paoli all'epoca. Un grazie sentito a Fabio e Federico.

    Gabriella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gabriella, ed oltre a te, grazie anche a chi ci segue e (penso) ci apprezza...

      Elimina
  7. Purtroppo ho solo potuto seguire un breve tratto della passeggiata per motivi personali.Ce ne fossero iniziative così nella nostra città!Bravi così,continuate che siete fortissimi.Un plauso particolare all'amico fraterno Fabio,impeccabile e coinvolgente quando prende la parola.
    -Andrea-

    RispondiElimina
  8. Giuseppe Pippo La Pietra21 marzo 2012 00:04

    Bravi tutti. Mi spiace non essere nella mia adorata Palermo e partecipare alle vostre iniziative che apprezzo perchè molto utili alla conoscenza della citta degli usi e delle tradizioni.Ciao Federico e congratulazioni e te e agli altri.

    RispondiElimina