venerdì 6 gennaio 2012

ARTISTI PALERMITANI D'OGGI * FILIPPO LETO *

Presso il mercato di Ballarò al civico 15/A di via delle Pergole (entrandoci da via Maqueda è a pochi mt. sulla destra), l'artista Filippo Leto, espone le sue opere nella bottega d'arte dal nome "La Città Ritrovata". Sculture e oggetti d'arte creati con maestrìa che prendono vita su argilla, bronzo e gesso. I temi rappresentati da Filippo inneggiano alla complessità dell'animo, alla frenesia del mondo che dimentica i valori del vivere... 
Riproduzioni di manufatti in terracotta, alla maniera degli "stazzunari" (antichi abitanti della zona che lavoravano l'argilla), rilievi dedicati ai monumenti di Palermo, collezioni di presepi e miniature di storici carri di S.Rosalia, nonchè di processioni del Venerdì Santo... E' quanto si può ammirare nella sua bottega, dove, se volete, Filippo vi accoglierà per mostrare le sue opere. Inoltre nel suo laboratorio si eseguono restauri scultorei, di cartapeste e gessi. Io ci sono sono stato e devo dire che entrando già si respira un'aria di antiche botteghe artigiane ed artistiche d'altri tempi. I volti delle sculture di Filippo ti circondano, ti osservano, ti interrogano. E' una atmosfera affascinante che merita di essere gustata...

Filippo Leto al lavoro nel suo laboratorio
Maestro di scultura (organizza anche corsi), Filippo Leto si definisce soprattutto un artista eclettico, toccando tanti stili. Ha profonda ammirazione per Giacomo Serpotta, che per lui è fonte di continua ispirazione, e del quale mostra orgoglioso una scultura da lui realizzata.
E' un innamorato dell'arte e dalla genialità della stessa, rivelando il suo pensiero in proposito : "Non è facile fare arte, ma non è nemmeno necessario essere colti per essere un artista o avvicinarsi all'arte, perchè è dentro tutti noi". Profondo e appassionato conoscitore di tanti monumenti della nostra città, noti e meno noti, Filippo definisce il suo rapporto con Palermo di "odio/amore", ma con l'amore che alla fine prevale, come testimoniano le sue opere. 
La sua definizione di una "Palermo Nascosta" : "Palermo è nascosta ai palermitani stessi... Ma il concetto si deve ricercare all'interno di Palermo stessa..." 
Sosteniamo quindi questo altro artista nostrano, di cui possiamo ammirare di seguito alcune opere...







15 commenti:

  1. Interessante!
    Raffaella

    RispondiElimina
  2. Federico Ferlito6 gennaio 2012 10:02

    Non ho avuto la possibilita' di conoscere personalmente l'artista ed anzi mi ripropongo di fare una perlustrazione ,quanto prima nel suo laboratorio/studio,perchè a colpo d'occhio la sintesi fotografica ha sollevato in me tanta curiosità . In questo momento non posso esprimere una valutazione obiettiva e completa,data l'esiguita' delle immagini . Per quello che si puo' analizzare,posso dedurre una versatilità nella scelta dei materiali,della cromaticità,e nella plasticità artistica scelta per incrociare in una stessa opera classico e fantasioso,tipico per un buon artista ispirato.

    RispondiElimina
  3. fantastico.............bravissimo................andrò presto a vedere il suo laboratorio, arte allo stato puro e io nn sapevo che ci fosse .....sono doni inestimabili quelli che leto posside e , ancora una volta orgogliosa di essere palermitana

    RispondiElimina
  4. Egidio Corsetti6 gennaio 2012 10:20

    Nelle opere esposte si vede l'estro dell'artista esperto e consumato ! che sa coniugare alla propria opera manualita',intelletto e genio creativo !
    Fabio fai bene a presentarci non persone ma veri personaggi che illuminano il quadro artistico della nostra città !!!
    Ciao Egidio

    RispondiElimina
  5. Splendida persona....ricordo ai tempi della scuola i suoi bozzetti di china dove faceva affiorare i monumenti di palermo......e creava ogni minimo particolare....che dire vi consiglio di andarlo a trovare nel suo laboratorio è come fare un giro nella palermo in miniatura....spettacolare è la cattedrale a tutto tondo :)

    RispondiElimina
  6. è tutto vero!!!ho avuto il piacere d'entrare nella sua bottega, le sue creazioni sono veramente belle,consiglio una visitina....

    RispondiElimina
  7. Ciao Filippo, verrò. ....il volto di Cristo e il presepe "barocco" sembrano, dalle foto, due perle assolute...a presto! (p.s. grazie Fabio). Fulvio Buccheri

    RispondiElimina
  8. Artisti come Filippo Leto, sono l'orgoglio e un grande patrimonio di questa terra di Sicilia!

    RispondiElimina
  9. Grazia Grace N.6 gennaio 2012 21:39

    Beh,,che dire....un altro orgoglio palermitano..a giudicare da ciò che si vede in foto,è arte pura espressa attraverso queste creazioni che racchiudono veri e propri stati d'animo.....le sue creazioni parlano,,,,

    RispondiElimina
  10. Ecco una brillante iniziativa per far luce sulle maestranze palermitane. Palermo era pregiata piazza di artisti, esperti anche nei mestieri, apprezzati ovunque. Grazie per il post. Andrò a visitare la bottega di mastro Leto.

    RispondiElimina
  11. Interessanti sculture,merita senz'altro una visitina. -ANDREA-

    RispondiElimina
  12. grande scultore e grazie sempre a fab che lo ha svelato a noi lettori ho visto una sua mostra dei presepi al politeama meritava una visita

    RispondiElimina
  13. Ciao Fabio volevo ringraziarti per il bellissimo articolo che mi hai dedicato e ringrazio tutti coloro che hanno commentato con i loro complimenti quello che non definisco quasi mai il mio lavoro ma la mia vita un abbraccio a tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te,Filippo... La tua bravura meritava una menzione...

      Elimina
  14. Carissimo Filippo Io ho avuto il piacere di conoscerti da piccolo,dove si vedeva che eri una persona con delle qualità non da poco.

    felice di vederti dove sie arrivato

    un saluto da Ficara Paolo dal piemonte (alessandria)

    ancora complimenti

    RispondiElimina